Tabl (Drum)

di Keywan Karimi

L’atmosfera è onirica, i personaggi non hanno nome, i luoghi nemmeno. Teheran è l’unico personaggio, il cui nome è evocato senza sosta. Un avvocato come tanti lavora e vive solo nel suo appartamento, che è al contempo il suo ufficio e la sua abitazione. In un giorno freddo e piovoso un uomo vi fa irruzione, tiene un discorso breve e disordinato e gli consegna un pacchetto che stravolgerà la sua vita.

Keywan Karimi

Nato nel 1985, è un filmmaker iraniano di origini curde. I suoi cortometraggi documentari, fra cui Marze Shekaste (2012) e Zan va shohar Karegar (2013), sono stati presentati in numerosi festival internazionali. A causa del documentario Neveshtan bar shahr (2015), che racconta i graffiti sui muri di Teheran dalla rivoluzione islamica del 1979 alla rielezione di Mahmoud Ahmadinejad nel 2009, nell’ottobre 2015, con l’accusa di “offesa alla sacralità islamica” e di “fare propaganda contro lo Stato”, è stato condannato a sei anni di carcere e 223 frustate. La sentenza definitiva, del febbraio 2016, lo condanna a un anno di carcere e 223 frustate. Tabl è il suo primo lungometraggio di finzione, che ha iniziato e completato prima di andare in carcere.

Note di Regia

Teheran, la città delle menzogne e delle trappole, la città dalle architetture disordinate, la città sotterranea. Le metafore del film illustrano allo stesso tempo il presente e il passato. E anche se la storia del film si svolge negli anni Sessanta, resta d’attualità.

Dati Tecnici

Titolo: Drum

Titolo Originale: Tabl

Genere: Drammatico

Durata: 1h 35"

Regia: Keywan Karimi

Sceneggiatura: Keywan Karimi

Fotografia: Amin Jaferi

Montaggio: Keywan Karimi, Farahnaz Sharifi

Musiche: Bamdad Afshar

Produzione: Les Films de l’Aprés-Midi

Interpreti: Amirreza Naderi, Sara Gholizade, Akbar Zanjanian, Elyas Rasouli, Hushang Honaramooz, Ardalan Haji, Rahim Ahmad

Calendario delle Proiezioni nel Triveneto e Alto Adige