Jours de France

di Jérôme Reybaud

Un uomo abbandona tutto alle spalle per viaggiare senza meta attraverso la Francia, lasciandosi guidare solamente dalle persone e dai paesaggi che incontra: quattro giorni e quattro notti durante i quali, mentre lui si allontana sempre di più, il suo innamorato cerca di localizzarlo tramite Grindr, un’app di incontri per smartphone.

Jérôme Reybaud

Nato a Cannes nel 1970. Già da piccolo, nella sua stanza, riprendeva con una camera Super 8. Dopo una tesi sul poeta Jaccottet, ritorna al cinema e dirige due cortometraggi – Aires 06 (2006) e Trois dames pour Jean- Claude Guiguet (2008) – nonché un documentario sul regista Paul Vecchiali, Qui êtes-vous Paul Vecchiali?, per il canale della televisione francese Cine + (2012). Jours de France è il suo primo lungometraggio.

Note di Regia

Evitare di filmare la strada come pretesto per un viaggio psicologico, ma filmarla nella sua essenza, prendendo alla lettera il genere del road movie: un film sulla strada, una strada che viene filmata. Evitare di spiegare la partenza dell’eroe, permettendo invece agli spettatori di immaginarne la ragione. Non importa che cosa lo spinge a partire, ma piuttosto quello che lo chiama: la voce di un sentiero perduto, il respiro della libertà, la melodia del caso. Evitare di mostrare gli incontri fatti lungo il cammino come tappe importanti, ma fare in modo invece che la sensazione di casualità pervada il tutto, come un vento di “infinite possibilità”, composto anche di ciò che è improbabile, attraverso una costellazione di personaggi liberi, liberi in sé e dentro la storia. Evitare di attribuire a questi incontri un valore sociale, ma costruire i personaggi attorno alla loro “grana”: rappresentano solamente la propria individualità. Evitare di far diventare l’omosessualità un’istanza o una causa, ma far vedere che rimorchiare è anche un modo per esplorare dei luoghi, un modo per capire una terra e scoprirne gli angoli più remoti: il gusto per il paesaggio è tutt’uno con il desiderio carnale. Evitare di imporre uno stile o un valore estetico al paesaggio ma, per ogni fotogramma, per ogni luogo e ogni volto, trovare l’inquadratura e la luce che siano in grado di far divenire la presenza del mondo percettibile.

Dati Tecnici

Titolo: Jours de France

Titolo Originale: Jours de France

Genere: Drammatico

Durata: 2h 21"

Regia: Jérôme Reybaud

Sceneggiatura: Jérôme Reybaud

Fotografia: Sabine Lancelin

Montaggio: Martial Salomon

Musiche: Léonard Lasry

Produzione: CHAZ Productions

Distribuzione: M-Appeal World Sales

Interpreti: Fabienne Babe, Arthur Igual, Pascal Cervo, Nathalie Richard, Laetitia Dosch, Liliane Montevecchi, Jean-Christophe Bouvet, Marie France, Bertrand Nadler

Calendario delle Proiezioni nel Triveneto e Alto Adige